Perchè la sicurezza della password è di importanza fondamentale.   Aggiornato recentemente!


La password serve a  proteggere l’utente, la workstation e la rete.

 

Parte I

 

 

Come creare una password efficace

 

Ogni servizio che utilizziamo in Rete; posta elettronica, online banking,  social network, richiedono l’uso di una password che, associata al nome utente scelto, chiamato username permette di proteggere le proprie informazioni dagli accessi non autorizzati.

 

Il problema delle password sorge quando si devono creare numerosi account per lavoro e per svago.

Per quanto la nostra mente possa essere allenata a ricordare  se si pensa che un utente medio ha circa 5/10 account e che le password, per la loro stessa natura e per la nostra sicurezza, devono essere cambiate in media ogni 3 mesi, comincia ad essere difficoltoso tenerne traccia e memoria.

A complicare ancor di più la memoria delle password è il  meccanismo dell’automatismo  siamo talmente abituati a compiere il gesto della digitazione che quando ci viene chiesto che password usiamo per accedere al computer o al nostro account  rispondiamo  che non usiamo password oppure “…ma io entro automaticamente …”

Per questo è importante tenerne traccia,  ma ancora più importante è come  creare una password  abbastanza sicura.

Le password più facili da violare sono ovviamente quelle basate su semplici parole ad esempio  il nome vostro o di un vostro familiare, la data di nascita, il nome del vostro animale domestico, oppure la città od il luogo di vacanza preferiti, è bene variarle immediatamente.

Queste informazioni si reperiscono molto semplicemente consultando il profilo di un utente su Facebook o su un altro social network.  A questo proposito è interessante sapere che è stato fatto un esperimento  a Bruxelles su ignari passanti che credevano di parlare con un famoso veggente di seguito il link 

Un utente sprovveduto, diffondendo pubblicamente delle informazioni sulla sua vita privata o sui suoi interessi, può inconsapevolmente facilitare attacchi da parte di aggressori informatici alla ricerca di dati sensibili.

Qual’ è la migliore strategia per generare una password “praticamente inespugnabile”?

Non esiste ma possiamo cercare di rendere le password più sicure ma soprattutto meno intuibili.

L’approccio migliore consiste nel produrre una password contenete una miscela di caratteri alfanumerici (lettere maiuscole, minuscole e numeri) e possibilmente anche simboli o caratteri speciali (ad esempio “#”, “%” oppure “!”).

Ogni password, dovrebbe essere una sequenza complessa di lettere e numeri, lunga almeno otto caratteri, meglio se 12.

Una password diviene tanto più sicura quanto è maggiore il numero di caratteri che essa contiene e quanto più diversa è la loro tipologia.

Potremmo riassumere quanto segue per la creazione di una password abbastanza sicure:

  1. Non usate solo parole o numeri

Es. Paolo Rossi nato il 23/03/1970

Paolo23, Rospao70, 23370paoross, ecc. tutte password non sicure

  1. Non usare parole comuni

Es. (amanti dei fiori) Dalia1, Camelia18 ecc.

  1. Non usate informazioni personali

(amanti dell’arte) girasoli, bacio, venere oppure  estate91, pariginverno ecc.

  1. Non usare parole in un’altra lingua o carattere

 (matematici)112358 (linguisti) концентриран

  1. Non usare nomi dati o informazioni di personaggi storici e/o famosi

Pirandello36, totò89, noncirestachepiangere, rocky ecc.

  1. Non usare parole al contrario

Ereilavac, Ottag, Orebla ecc.

  1. Non usare la stessa password ( per quanto possa essere sicura) su più account

Questo perché, in caso di violazione di un account, è sempre possibile cercare  di proteggere il resto dei nostri dati.

  1. Non usare parole di cose che non ci piacciono o non amiamo

Sono facile da intuire come le parole legate al nostro vissuto,..

Nel prossimo articolo vedremo come conservare le password e come comportarsi in caso di smarrimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *